Arnaldo Pomodoro nei Castelli Federiciani della Puglia

Finalmente anche per me è tempo di vacanza, dopo aver girato in lungo e in largo in motocicletta la Basilicata, era finalmente arrivato il momento di approfondire al meglio le mie origini pugliesi. Per l’occasione,dal 9 Luglio al 30 Novembre, il maestro Arnaldo Pomodoro,uno dei più grandi scultori contemporanei, ha deciso di “decorare” i più importanti Castelli Federiciani presenti in Puglia con le sue splendide opere in bronzo. Inizia così il mio viaggio. Destinazione il Castello Svevo di Trani.

Tutte le foto sono state scattate da Small Change Review, è vietato qualsiasi utilizzo al di fuori di questo blog.

IMG_3215

Edificato nel lontano 1233, il Castello Svevo di Trani, presenta una struttura quadrangolare semplice, su modello dei castelli crociati di Terra Santa, a loro volta debitori dei Castra Romani. Giunti nella Piazza del Duomo è possibile muoversi su di un “velo bianco” di Pietra di Trani che si frappone rispettivamente a sinistra con il castello,a destra con la celebre Cattedrale. Il tutto è abbracciato sul versante Adriatico dall’omonimo mare.

Obelisco per Cleopatra

Di fronte al castello,sempre nella piazza, è presente “L’Obelisco per Cleopatra”, un ‘opera originariamente destinata alla scenografia de “La Passione di Cleopatra”, di Ahmed Shawqi, ora presente a Trani come un monolite di poco più di 10 metri in bronzo e corten che ha suscitato,nella popolazione autoctona non poche lamentele.Una delle tante: “quell’ammasso di ferraglia poco ci azzecca con il nostro castello!”

Io rispondo con le parole di Giulio Carlo Argan:

“Piene di valenze aperte ,hanno bisogno di siti significativi con cui combinarsi”

Se è vero che il modernismo del Pomodoro sembri fuoriluogo dinnanzi ad un castello del 1233,è anche vero che le sue opere, ovunque vengano posizionate, acquisiscono un diverso significato,una diversa chiave di lettura, così da non risultare mai scontate,ma soprattutto mai noiose.

Marco Polo

Entro nel castello e subito mi ritrovo il “Grande Portale Marco Polo, Studio” , ovvero uno studio di cm 121 x 102 x 20, significativamente ridotto rispetto all’opera esposta in occasione dell’Esposizione Universale di Shanghai alta ben 12 metri.

 

“Con la mia opera desidero rendere omaggio al mito del grande viaggiatore veneziano e al contempo testimoniare l’incontro tra due grandi civiltà che oggi, nell’epoca della globalizzazione, partecipano a uno scambio sempre più frequente.”
                     Arnaldo Pomodoro
Essa è infatti costituita da due facciate,la prima dedicata al mondo occidentale,la seconda alla Cina. Una moltitudine di simboli che si intersecano delinenado uno scambio tra due culture completamente diverse.
Mi sposto a Castel Del Monte,inserito dal 1996 nell’elenco dei patrimoni dell’umanita secondo L’UNESCO. Forse è la parte che più ho preferito dell’intero tour. Una moltitudine di opere in bronzo brillano,come gioielli, nelle enormi sale del Castello. Indescrivibili le sensazioni provate nel percorrere questo enorme ottagono.
DSC_1365
DSC_1420 DSC_1425 DSC_1424 DSC_1406 DSC_1384 DSC_1387 DSC_1381
La mia ultima tappa è stato il Castello Normanno – Svevo di Bari. Imponente struttura sita ai margini della città vecchia e attorniata da un profondo fossato. Anche quì le Sculture del Pomodoro interagiscono con l’ambiente circostante. Le antiche mura si intersecano col bronzo, come opposti si scontrano delinenando un’armonia del tutto nuova. Scettri appuntiti e squadrati si alternano a scudi che ricordano ossi di seppia modellati dall’acqua salmastra.
DSC_1532
DSC_1549IMG_3247
IMG_3248
Tra le primissime “opere” di Arnaldo, e di suo fratello Giò, ci sono gli ossi di seppia,utilizzati come gioielli o come stampi,sopra i quali venivano incise forme arcaiche. Mi piace allora pensare che l’importanza dell’opere del Pomodoro risiede non solo nel lugo in cui sono poste,ma anche dallo spettatore. Le superfici lucide e scintillanti del bronzo interagiscono differentemente ogni qualvolta ci apprestiamo a osservarle. La nostra immagine plasma le sculture, ma anche le sculture plasmano noi.
DSC_1497
Annunci

One thought on “Arnaldo Pomodoro nei Castelli Federiciani della Puglia

  1. Pingback: Pomodoro metafisico esposto in un "art center" a Terni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...